La società della conoscenza

La proposta dei Corsari di rifondare la politica è una possibilità che si muove verso la navigazione a mare aperto… anche con l’obiettivo per riformare l’organizzazione politica dei partiti e dei movimenti. A cominciare dalla legge elettorale. È una proposta culturale che si alimenta del libero pensiero.

La proposta dei Corsari di rifondare la politica è una possibilità che si muove verso la navigazione a mare aperto… anche con l’obiettivo per riformare l’organizzazione politica dei partiti e dei movimenti. A cominciare dalla legge elettorale. È una proposta culturale che si alimenta del libero pensiero.

Le burocrazie e le segreterie di parte o di partito – invece – chiudono il dibattito, ingannano gli elettori, scelgono il verosimile al posto delle verità: fingono, mentono, nascondono, imbavagliano, omettono e impediscono qualsiasi seria discussione politica ostacolando ogni possibilità per i cittadini di conoscere.

È la “democrazia reale”, come una volta si parlava di “socialismo reale”. Faccio qui un esplicito riferimento alla “società della conoscenza”.

L’idea di promuovere una tavola rotonda permanente, per ricomporre un “altro” campo, è il presupposto per costruire un altro modello di società che faccia propria la teoria della prassi, cioè quella “filosofia della pratica” di cui parlava Benedetto Croce, cioè il metodo liberale. E la società della conoscenza può diventare il luogo d’azione di un ritrovato pensiero politico libero da ideologismi e fanatismi. Anche perché il Potere impedisce la conoscenza da parte dei cittadini e per i cittadini evitando che questa società si realizzi.

Il lavoro da fare è quello di rifondare il dibattito politico, reimpostare la discussione, parlarsi, ridare forma e contenuto, rifornire di parola, di significato e di senso.

Nei dibattiti televisivi, non si capisce più di che cosa si stia parlando.

Se vogliamo costruire un futuro diverso e altro, si devono immaginare luoghi e spazi dove sia possibile un ragionamento più profondo e più articolato, anche se semplice e comprensibile. La discussione non può essere ridotta soltanto al solito slogan elettorale, alla battuta denigratoria, al falso scuotere la testa quando parla l’avversario, allo schiamazzo.

Soltanto un insieme aperto, può tentare di aprire una fase nuova che avvii l’età della conoscenza, della ricerca delle verità, della saggezza, della felicità.

In una parola: della libertà. Perché un pensiero politico è dinamico e aperto se è in movimento e, quindi, va aggiornato nella realtà che muta, nel momento in cui un’idea impatta con la realtà, con il cambiamento degli usi e dei costumi di una società in continua trasformazione.

Infatti, il Potere, sia esso oligarchico o partitocratico o assolutista o teocratico o totalitario o antidemocratico, ha avuto sempre un solo nemico: il pensiero fondato su quel principio di libertà che, per sua natura, non si trasforma in assolutismi né dogmi, né soprusi.

Quindi c’è bisogno di un campo della Politica, con la P maiuscola, un terreno fatto d’incontro, dialogo, parola, pensiero, contraddittorio, ascolto, dissenso. È il luogo della conoscenza.

Tutto il resto è anti-politica, è rancore, distruzione della democrazia, è rabbia, violenza, ingiustizia, inganno, menzogna. Non si può ridurre il dibattito politico in una serie di spot, di frasi gridate, di battute da osteria. L’urgenza è quella di rifondare il dibattito politico, ricostruire insieme la discussione, ristabilire la circolazione delle idee. Reimpostare la discussione politica vuol dire avviare quella rivoluzione armonica e cosmica, universale, che non arriverà se i cittadini tutti non ritroveranno la forza delle idee, un dialogo appassionato e leale, un contraddittorio aperto e conosciuto dagli elettori.

Bisogna ripristinare il Diritto, lo stato di diritto, la possibilità di conoscere. A cominciare dal diritto umano alla conoscenza. Ma il problema è concepire il come, concepire il “nuovo possibile”, cioè come si possa concepire e perseguire la costruzione di un altro campo politico che sia dalla parte del cittadino.

 Pier Paolo Segneri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...