Metamorfosi o cambiamento?

In genere, siamo abituati a parlare di cambiamento quando vogliamo dare un significato positivo al vocabolo, cioè quando vogliamo indicare un passaggio da una situazione ormai sgradevole ad un’altra più piacevole della precedente. E’ quasi una suggestione. Infatti, si può anche cambiare in peggio, ma – di solito – si utilizza il concetto di cambiamento per indicare la necessità di voler chiudere con il passato e tentare altre o nuove esperienze.

La domanda allora è: quello che stiamo vivendo politicamente, oggi, nel nostro Belpaese, è davvero un cambiamento oppure è una metamorfosi del Potere dominante?

La storia dell’Italia repubblicana ha ormai settanta anni e più. I Corsari sono convinti che la metamorfosi del Potere continua a compiere il suo solito e stanco giro su se stessa. La storia di questo settantennio, infatti, è una storia ciclica, che procede seguendo una forma a spirale, fatta di corsi e ricorsi storici, di ritorni e rimandi, di culmini e di crisi, di risoluzioni e di fasi politiche controverse, di colpi di coda del Potere fine a se stesso e di conquiste civili, di rinascite e ricadute, di novità e percorsi a ritroso, di Vecchio regime e di Nuove stagioni.

E’ una storia cominciata con il referendum del 1946 tra Monarchia e Repubblica.

Ma, forse, la data di nascita dell’Italia repubblicana andrebbe fatta coincidere con il 1° gennaio 1948 e con le successive elezioni del 18 aprile dello stesso anno, cioè con il giorno dell’entrata in vigore della nostra Carta Costituzionale e con le prime consultazioni elettorali per il nuovo Parlamento della Repubblica. Ecco la prima data da tenere a mente: 18 Aprile 1948.

Da quel momento, purtroppo, la partitocrazia italiana ha avuto un graduale ma sempre più becero ruolo spartitorio e dominante dentro il Palazzo fino a raggiungere abissi indicibili. All’ormai lontano 1948 è seguito, quindi, quello che potremo definire come il primo trentennio di questo settantennio partitocratico, cioè un periodo della nostra storia repubblicana che identifichiamo con la Prima repubblica. Una Prima Repubblica iniziata, perciò, secondo questa personale lettura politica, nel 1948 e terminata nel 1978 con la morte di Aldo Moro. E’ con l’assassinio di Aldo Moro, infatti, che finisce la Prima Repubblica. Oppure, non è ancora finita. Ovvero: assistiamo all’avvitarsi di una metamorfosi del Potere che assume nuove forme per continuare a dominare.

Pensiamoci attentamente: la storia della Prima Repubblica, avviatasi nel 1948, ha avuto termine con la scomparsa e l’uccisione di Aldo Moro. Eppure è proseguita anche dopo, attraverso il sopra citato ciclo politico della cosiddetta “transizione infinita”, fino ai nostri giorni, sviluppandosi in senso partitocratico e sopravvivendo, così, anche nella Seconda Repubblica, fino ad oggi. Senza esclusione di continuità.

Altro che Terza Repubblica! Siamo ancora nella Prima.

Secondo questo mio ragionamento, allora, la Seconda Repubblica ha avuto inizio nel 1979, con la caduta del governo di solidarietà nazionale e con la successiva crisi, durata ben 49 giorni, gestita dall’allora presidente del Consiglio dei Ministri, Giulio Andreotti. E così, seguendo tale filo rosso, possiamo affermare che: se la Prima Repubblica è terminata nel 1978, la Seconda è finita nel 2008. Infatti, se ci pensiamo bene, si è conclusa con la caduta del governo di Romano Prodi. Inoltre, bocciando un governo di transizione e puntando al voto subito, in realtà, nel 2008, Silvio Berlusconi ha provocato la fine della Seconda Repubblica di cui egli stesso è un prodotto diretto.

E’ una tesi di cui sono convinto da tempo e che ho ripetuto più volte, in occasioni pubbliche e private, in alcuni articoli e anche in un libro. Tra le attuali macerie dello Stato di diritto e della libertà democratica, tra le macerie istituzionali e costituzionali, sotto il crollo del governo Prodi, è potuto emergere il Movimento Cinque Stelle.

Quello che sta accadendo oggi è semplicemente la conseguenza di quel crollo, già avvenuto nel 2008.

Siamo ormai oltre. Siamo nel 2018. Perciò, tutti coloro che aspettano la fine della Seconda Repubblica, legandola e personificandola soltanto con il Potere di Silvio Berlusconi o – peggio – di Matteo Renzi, in realtà, non si sono accorti o non vogliono ammettere che quella fase del Vecchio Regime è finita con la fine del governo Prodi. In questa lunga transizione, dopo settant’anni di partitocrazia, c’è bisogno di immaginare un futuro migliore. Sono in molti, invece, anche nel Pd, a non aver compreso che la Terza Repubblica è già iniziata nel 2009, in perfetta continuità con il Regime passato. E tale continuità è garantita dal M5S.

La Seconda Repubblica è finita nel 2009, con la nascita dei pentastellati. Ma nel Pd non se ne sono ancora accorti. Silvio Berlusconi naviga a vista. Il tempo è trascorso. Siamo già nella Terza Repubblica dal 2009.

E’ l’ennesima metamorfosi del Potere? I Corsari credono proprio di sì.

Pier Paolo Segneri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...