L’Italia è la lingua italiana

La politica ha perso ogni ideale e ha abbracciato gli ideologismi. Al primo posto, in una politica senza ideali, c’è l’ideologia del pragmatismo.

Per i Corsari, perciò, la riscoperta dei grandi ideali è il presupposto della nostra anima politica.

Al primo punto, in un ideale programma di governo, abbiamo la riscoperta della lingua italiana. E non è un caso. Anzi.

Qualcuno si chiederà: Perché?Semplice: perché senza la lingua italiana non esiste l’Italia.

Nessuno può costruire il proprio futuro senza acquisire prima la consapevolezza della propria memoria. Ecco il punto: la lingua italiana è la nostra prima e principale memoria, è la nostra identità, cioè il nostro viatico per il futuro. Senza memoria non vi può essere futuro. Ecco perché è importante studiare la nostra lingua e rileggere le poesie di Giacomo Leopardi o di Gozzano, riscoprire le opere di Ugo Foscolo e di Alessandro Manzoni, di Pier Paolo Pasolini e Leonardo Sciascia. Perché la lingua italiana rappresenta la nostra memoria e la parola, come si sa, è il seme che ci permette di far germogliare il nostro essere più profondo e personale, ciò che ci consente di conoscere noi stessi, di capire chi siamo e verso dove andiamo o verso dove vorremmo andare.

L’italiano è l’unione di testa e cuore. È ragione e sentimento. È consapevolezza e comprensione.

Attenzione a distruggere la lingua italiana.

L’Italia è un mito letterario. L’Italia nasce con la lingua italiana. Non a caso, è stata definita “una nazione di carta” perché è l’unica nazione che si è creata attraverso un mito narrato dagli scrittori e dai poeti.

L’Italia esiste perché esiste la lingua italiana.

La letteratura ha fatto nascere una coscienza identitaria, altrimenti non vi sarebbe stato neppure il Risorgimento liberale nell’Ottocento.

L’italiano è la conoscenza, è lo studio, è l’insieme di tante diversità unite tra loro.

L’idea della nostra unità nazionale comincia, infatti, con la nascita di una lingua comune. L’Italia nasce con il Rinascimento e l’Umanesimo, nasce grazie a Dante, Petrarca e Boccaccio, nasce con Pietro Bembo, nel ‘500. Del resto, sul piano istituzionale, se andiamo a rileggere la Storia, l’Unità d’Italia si è avuta da un tempo relativamente breve: dal 1861. Anzi, ancora meno se consideriamo che Roma è diventata la nostra Capitale soltanto nel 1870/71.

Ma l’Italia nasce prima, nel Rinascimento, quando nasce la lingua italiana.

A proposito dell’italiano, in un suo romanzo, Leonardo Sciascia scrive: “L’italiano non è semplicemente l’italiano. L’italiano è il ragionare”. Ecco anche perché è importante studiare la nostra lingua e leggere i nostri scrittori o poeti. Perché è un modo per mettere in funzione il cervello, attivare la mente, acquisire sensibilità e ragionevolezza. Non a caso, l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo. Credo che tale interesse globale sia dovuto soprattutto al fatto che l’italiano risponda a una necessità di carattere culturale e letterario. Lo si studia per leggere Dante Alighieri e Luigi Pirandello oppure per leggere, in lingua originale, filosofi come Benedetto Croce e scienziati come Galileo Galilei.

Insomma, il Presidente del Consiglio – chiunque sia – si ricordi di parlare sempre in italiano, con tutti gli interlocutori. Oggi come in futuro. Soprattutto con i grandi della Terra e nei consessi internazionali. Infatti, per i Corsari, il Presidente Conte segnerà davvero un punto a suo favore quando Trump, Macron e Merkel si rivolgeranno a lui parlando in italiano. Casomai. E non il contrario. Fino a quel momento, l’essere un buon poliglotta o è ininfluente o è servile. Ininfluente per un Presidente del Consiglio, servile per l’intero Paese.

Guai a subire supinamente una sudditanza linguistica, sarebbe la sudditanza dell’Italia tutta.

Pier Paolo Segneri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...