Diario di bordo – #2

Eravamo a mangiare una buona pizza napoletana, qualche sera fa. Di quelle pizze un po’ alte che sfamano qualsiasi appetito e che sono diverse dalla qualità, invece, della pizza “scrocchiarella” e bassa, tipicamente romana.

Ero con il gruppo di Corsari che avevamo messo insieme senza preavviso: Camilla, Carlo, Fabia, Lorenzo, Marco, Chiara, Enrico e Ilaria.

A un certo punto, in mezzo alla conversazione, non so più in riferimento a quale problema di vita, Enrico ha detto: “Volere è potere“. Silenzio.

È stato un attimo, abbiamo abbassato gli occhi e, vista l’esitazione generale, Carlo ha replicato: “La forza di volontà è fondamentale, giusto, bravo, ma ci vuole anche il sorriso quando si fanno le cose, cioè funzionano le cose che ti piacciono quando le fai. E serve un senso d’allegria nel farle. Nella vita è necessaria quella sensazione di divertimento che ti allieta la giornata e senza la quale perdi la tua energia invece di sprigionarla…“.

Fabia ha annuito, Chiara si è riempita il bicchiere di vino e Camilla ha ordinato una Coca Cola Zero. Personalmente, sono rimasto zitto ancora un po’. Che volete farci, tutte le nostre conversazioni sono così, spontanee e complesse. Anche nelle pause e nei silenzi.

Lorenzo, in quell’attimo di riflessione generale, ha aggiunto: “È quella che io chiamo l’imprevedibilità dell’algoritmo”.

Può essere, certo. Ilaria sembrava d’accordo, eppure ha aggiunto: “Però, se parliamo in punta di diritto, la volontà va ben distinta dalla possibilità. Tutti i romanzi gialli di Agatha Christie sono basati su questo assunto. Anche nei film si evidenzia questo aspetto: tutti i personaggi sono descritti come dei potenziali colpevoli, possono aver avuto un motivo, cioè un movente, per macchiarsi del peggior reato, ma uno soltanto tra loro ha armato la sua mano e ha compiuto il delitto dando seguito a quella volontà che, altrimenti, sarebbe rimasta soltanto come una ipotesi possibile”.

Sono subito intervenuto per dare un contributo non scontato al nostro piacevole dialogo: “Concordo. A me, infatti, l’esperienza mi dice che, spesso, il potere è una cosa e il volere è un’altra. Le cose che mi sono capitate nella vita quasi mai le ho volute. Anzi, ho messo tutte le mie energie in progetti che non sono andati a buon fine e, invece, si sono realizzati quelli che non volevo o, addirittura, che ho ostacolato e da cui ho cercato di fuggire“.

Allora, rapida e con tono rassicurante, Fabia ha colto la palla al balzo per una bella citazione che, personalmente, ho subito condiviso: “La vita è ciò che ti capita mentre tu fai altri progetti”. E Carlo: “Esatto”. Ma Enrico non era convinto: “Se non c’è volontà politica non si riesce a fare alcunché”.

Caro Diario… ho cercato nelle mie giornate di imprimere il senso della mia volontà alla strada che mi si parava davanti, ma quella strada mi ha portato dove voleva lei e, anche quando ho cambiato direzione, mi sono sempre ritrovato a camminare dove non avevo scelto di andare.

Neanche posso dire che io abbia ripiegato facendo il professore di Liceo perché, anche in quel caso, quel ripiego sarebbe stato, comunque, una scelta. Non ho mai scelto di ripiegare sulla scuola rispetto ai miei sogni, al mio talento, alla mia volontà di fare altro e di assumermi, ad esempio, responsabilità politiche. Mi sono ritrovato ad insegnare senza volerlo, senza averlo voluto e senza averlo scelto, nemmeno per ripiego. Mi sono ritrovato ad amare i miei studenti, le prime ore, gli appelli del mattino, le lezioni in classe pur non volendo né perseguendo l’obiettivo della scuola e dell’insegnamento.

Amo i ragazzi, i loro genitori, i colleghi. Amo quello che faccio, anche se la mia volontà è sempre stata quella di essere semplicemente quello che sono e di fare ciò che sento, da sempre, di essere: un poeta, un regista, un uomo politico. Invece, faccio altro. Contro la mia volontà, ma con tutto il mio impegno, tutto il mio amore, tutte le mie possibilità. Però, non l’ho scelto, non l’ho voluto.

Pier Paolo Segneri

One thought on “Diario di bordo – #2”

  1. Una storia di vita bella e vera . In tutto ciò che ci capita di fare esprimiamo i nostri talenti. Forza di volontà ci porta dove la vita vuole, ma il sorriso ci porta dove ci piace andare

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...