Diario di bordo – #4

Lettera alla Buonanotte

Che cielo c’è stanotte… Cara Buonanotte.

Sei ancora sveglia? Volevo dirti che il mare è calmo, i Corsari sono tutti in coperta e studiano la mappa del tesoro.

Domani ci alzeremo all’alba, ma l’azimut è stato trovato e si procede a gonfie vele…

Mettiamo da parte l’ultimo odore di fiele e una cassa di rhum per festeggiare con Spugna e Trilli quando arriveremo sull’isola. E tu ci sarai. Sei già lì che ci aspetti.

Eravamo già sull’isola quando partimmo in cerca del tesoro. E tu con noi. Perché sapevi che se fossimo rimasti lì non avremmo vissuto questa incredibile avventura insieme.

Cara Buonanotte, la tempesta è passata ormai, anche se il vento continua ad agitare le acque con la mano, tu prendi la cosa come un gioco, come quando i bambini si schizzano con le onde.

Dura poco. Sono altre le ferite profonde.

Cara Buonanotte, cerca di capire… Noi Corsari abbiamo troppe cicatrici in volto, sul petto e nel cuore. La benda sull’occhio è segno d’onore. Non è il tempo che scandisce i giorni, ma la clessidra dei nostri ritorni. Non è l’orizzonte del mare che ci regala quel senso profondo d’infinito, ma l’attimo che abbiamo trascorso insieme per inseguire un tesoro che avevamo già.

Questo vento, stanotte, fa venire il gelo, lo so… ma è lo stesso vento che ora ti accarezza il viso, ti asciuga le lacrime e segna le mie rughe sulla fronte. Ricordati di andare sempre alla fonte.

Cara Buonanotte, chiama tutti i corsari, ci vediamo sul ponte della nave e non confondere più il vento col freddo della neve. Stanotte si beve!

Ormai è mezzanotte, il mare si addormenta…

Cara Buonanotte, tu apri il boccaporto e tieni gli occhi bene aperti e non smettere mai di vigilare sui tuoi corsari. Non ti addormentare proprio ora. Vuoi che accendiamo le fiaccole? Così ti svegli e ci mostri i tuoi consigli.

Non andare a dormire, è presto! Perché quando tu chiudi gli occhi, cara Buonanotte, spariscono le stelle e la Luna. Luci nella coltre bruna.

Ci sono tante stelle che dormono stanotte. Forse sognano di noi.

Lo sai, non ci sono costellazioni né Carri nel cielo stanotte. Forse dormono anche loro con il mare. Non ci resta che andare…

Aspetta, non me lo dire: Orione e le altre sono tipiche invernali! Anche quest’anno Orione arriva da un altro emisfero. È tornata dopo il suo giro. Accendo un sigaro che non aspiro.

Cara Buonanotte, gli astri sognano di rispecchiare il mare e il cielo sembra capovolto…è per questo che stanotte non ci sono le stelle.

Intanto, il sonno scende come un manto sulla prua, gli occhi mi si chiudono… Noi restiamo qui a sognare perché i corsari vengono dal mare.

I sogni – si sa – vengono dal mare.

Cara Buonanotte, da questa nave corsara, tre luci soltanto intravedo nel buio: la Stella Polare che ci indica la rotta, il bagliore di Venere e un aereo che passa senza lasciare scia, soltanto lampeggia di una luce colorata.

Tutto intorno è mare… E la nave va.

Caro Diario… Nuvole sparse che si addensano e si diradano… Qualche goccia cade e bagna i fogli che abbiamo sotto gli occhi… Forse piove ancora. Forse sono lacrime.

Cara, Buonanotte.

Pier Paolo Segneri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...