Diario di Bordo – #8

Un Diario è anche un luogo dove appuntare frasi, scrivere poesie, fare disegni… È un luogo dell’anima più che un luogo fisico.

Ancor di più lo è se viene scritto in mare aperto… Figuriamoci quando chi scrive non è nella stiva di una nave qualsiasi, ma sul Galeone corsaro.

Oggi, data invernale, ho voluto qui riportare una poesia che ho scritto per tutti gli studenti che sono anche dei Corsari… Perché ci sono molti Corsari tra i ragazzi. E ne sono felice! Purtroppo, ogni tanto, anche tra gli studenti, si trova qualche Pirata, ma possono liberarsi dalle spire del solito Capitano Uncino e ritrovare la rotta corsara… verso l’orizzonte…

Questa poesia e dedicata anche a loro. Affinché ritrovino l’amore, la generosità, il coraggio di essere migliori.

STUDENTI CORSARI

Anime immerse nel tempo
a inventare gesti
e amori
e sorrisi
a contatto col vento
come Corsari
sopra il Veliero
in mare aperto
sfidano la notte
e i pensieri…
mentre i docenti
si dannano
e si danno
e si donano
con le voci rotte
spezzate in gola
restano al Sole
anime di ragazzi
a recuperare i resti
d’un sogno divelto
dall’uragano di ieri
per il dolore
si stracciano le vesti
per un amore
scrivono versi
e leggono testi
di canzoni vive
sulle ferite oscure
rimarginate
bruciate
dall’acqua salata.
Anime segnate.
Anime, sole.

Pier Paolo Segneri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...