Diario di Bordo – #15

Caro Diario, Cara 2 C,

sei una Classe che – forse – lascerò, ma che non abbandonerò mai.

Perché potete contare su di me.

Perché vi rinnovo tutta la mia fiducia.

Perché, Cara 2 C, non mi rassegnerò all’idea di vederti rispettare te stessa e gli altri soltanto per paura. Suddita per scelta eppure spaventata delle conseguenze.

È una paura che ti blocca, quella che vedo in te, una paura che t’imbavaglia e poi ti scatena l’euforia dentro, ma si manifesta nei modi sbagliati, magari per dare libero sfogo al tuo senso di repressione.

Per questo motivo ti ho sempre spiegato e ti spiegherò ancora il perché di ogni regola e l’importanza del rispetto per le regole di convivenza civile e civica. Perché il rispetto per te stessa e per le persone è un’affermazione di coscienza.

E continuerò a spiegarti il perché. Giorno dopo giorno. Finché imparerai ad autodisciplinarti. So bene che mi comprendi, che mi hai già capito.

Ti sarò accanto sempre, anche dopo, anche se agirai ancora, forse, come schiava e suddita della paura o per timore dell’autoritarismo, che è un timore vigliacco perché mostra la tua codardia invece del coraggio, invece di essere responsabile semplicemente per amore, per amore della libertà, cioè rispettosa degli insegnanti perché innamorata della cultura e non perché i docenti abbiano il coltello dalla parte del manico.

Io ho una rosa in mano. E la tengo dalla parte del gambo e la stringo, seppur ci siano delle spine. Perché non voglio colpirti, ma donarti il desiderio di conoscere, la passione per la lettura, la bellezza del dialogo e dell’apprendimento.

Cara 2 C,

Tu pensi che io – prima o poi – mi stancherò di te. Invece, sappi, che io ti scriverò ancora perché la mia è la forza e il tuo caos di oggi è soltanto debolezza.

Quello che ho da dirti, ora, è solo una cosa: sarai libera quando sarai responsabile, quando amerai la scuola, quando rispetterai tutti i professori e non esclusivamente quelli di cui hai paura. Sarai libera quando ti mostrerai attenta alla lezione, immersa nella spiegazione, silenziosa nell’ascolto. Per te stessa, per la tua libertà, per non divenire schiava di te stessa e della tua paura.

Cara 2 C,

sarai davvero bella quando saprai rispettare le regole della nostra convivenza civile, quando imparerai che ogni minuto perso di scuola è un un minuto perso di vita, quando capirai che la scuola è vita, che la scuola è amore. Sarai davvero libera quando saprai amare e non ora che rispetti solo la paura o chi ti fa paura. Quando saprai rispettare le persone e non una lama puntata contro.

Accetta la mia rosa. Non ho coltelli in mano e tu non sai… ma non mi rassegnerò mai.

Pier Paolo Segneri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...