Statuto – Frosinone al Centro

Premessa:

L’Associazione culturale “Frosinone al centro” nasce come proposta per un diverso modo d’intendere la Politica, cioè come luogo e strumento per la partecipazione attiva dei cittadini alla vita sociale, civile e civica della Città di Frosinone. Perché Cultura è Politica e, di conseguenza, Politica è Cultura. 

“Frosinone al centro” nasce come associazione senza scopo di lucro, per tutti gli spiriti liberi e liberali che vogliano contribuire a formare un “Pensatoio” capace di agire concretamente sul territorio comunale attraverso una serie di iniziative culturali, artistiche, politiche, sociali, innovative, sinergiche per il rilancio del Capoluogo frusinate. Così da realizzare davvero l’ambizioso obiettivo di vedere Frosinone riconosciuta da tutti, un giorno, come Capitale europea della cultura.

Quello della fine della funzione nobile dei partiti è il male più pericoloso del nostro tempo. Occorre riscrivere l’abbecedario della Politica, formulare un nuovo Dizionario della Politica italiana: individuare e coltivare un campo “altro”.

Titolo I: Denominazione/Simbolo/Sede

Art. 1

1. E’ costituita l’Associazione culturale “Frosinone al centro”, organizzazione culturale di utilità sociale senza scopo di lucro, in breve denominabile semplicemente come “Frosinone al centro”, con sede nell’ambito territoriale del Comune di Frosinone.

2. Il simbolo è (vedere la descrizione come si evince dal disegno allegato)

TITOLO II – Scopo/Oggetto/Durata

Art. 2

1. L’Associazione culturale “Frosinone al centro”, nel perseguire esclusive finalità culturali e di solidarietà sociale, di tutela e di valorizzazione del territorio, si prefigge:

  1. di organizzare, promuovere ed incentivare dibattiti, tavole rotonde, pubblicazioni, opere e attività artistiche, articoli, seminari, convegni e studi come supporto per la compilazione di un nuovo “Abbecedario della Politica” a sostegno di un “metodo culturale” innovativo, in grado di permettere la diffusione e la circolazione delle idee politiche repubblicane, riformatrici, liberali, libertarie, democratiche, federaliste europee;
  2. di contribuire al mantenimento e allo sviluppo dei valori comuni (dignità umana, libertà, uguaglianza e solidarietà) su cui si fonda l’Unione europea nella prospettiva del federalismo europeo;
  3. di approfondire la storia delle istituzioni repubblicane per il mantenimento e l’attuazione dei principi della nostra Carta costituzionale;
  4. di tutelare la salubrità territoriale ed il patrimonio ambientale più in genere, naturalistico, paesaggistico ed idrogeologico della città di Frosinone e/o delle aree adiacenti sulla stessa direttamente o indirettamente incidenti, anche mediante querele, esposti ed inviti alle Autorità ad interessarsi alla relativa situazione ambientale, paesaggistica, idrogeologica;
  5. di approfondire il dibattito sulla storia e sulla conoscenza del territorio, del pensiero democratico, dei diritti umani e civili;
  6. di approfondire la Storia di Frosinone proiettandola verso il futuro.
  7. di salvaguardare l’aspetto agroalimentare, enogastronomico, turistico, storico ed artistico del territorio frusinate, in sintonia con le aspettative e le esigenze di una vera e propria “rinascita” della “Bellezza” nella nostra  Città;
  8. di promuovere iniziative editoriali, diffondere dispense, libri, materiale informatico, traduzioni, produzioni multimediali, documentazioni letterarie, culturali e artistiche;
  9. di formare una classe dirigente politica nel rispetto di una visione liberale e democratica dello Stato, delle Istituzioni e della “cosa pubblica” in generale.
  10. di proporre e realizzare progetti e proposte culturali a supporto della crescita di spiriti liberi e liberali, riformatori e libertari, uniti dal “metodo”, dalla forza delle idee, della parola e della libera iniziativa, senza discriminazioni;
  11. di attivare venti corsari di libertà, di coesione sociale, di solidarietà, giustizia e uguaglianza nel diritto.
  12. di svolgere iniziative tese a informare i cittadini, sensibilizzare gli amministratori, a sviluppare l’educazione ambientale, la conoscenza del nostro patrimonio e delle tradizioni storiche, a favorire modelli ed etiche di comportamento conformi ai principi di cui sopra.
  13. Per il raggiungimento delle proprie finalità l’Associazione potrà operare nei settori della formazione, della promozione culturale, della ricerca nel campo della Storia, delle scienze umane, sociale ed economiche, cooperando, se ritenuto opportuno, con associazioni, istituzioni ed altre organizzazioni.
  14. A tutela dei valori indicati nel presente atto, fatti propri dai soci, l’associazione potrà costituirsi parte civile, iure proprio, nei procedimenti per reati ambientali e paesaggistici, agire o intervenire nei procedimenti civili e/o amministrativi aventi ad oggetto la lesione di detti interessi, e/o agire in giudizio per il risarcimento dei danni intesi come compromissione dell’ambiente/paesaggio susseguenti alla violazione delle leggi ambientali/paesaggistiche e come offesa della persona nella sua dimensione individuale/sociale, quindi, come lesione del diritto fondamentale, e a rilevanza costituzionale, a un ambiente salubre, e al paesaggio, quali elementi integranti della personalità umana.
  15. La durata dell’associazione è illimitata.
  16. L’Associazione “Frosinone al centro”, in quanto tale, non si presenta e non può presentarsi come Lista elettorale o soggetto politico a qualsivoglia competizione elettorale di ogni ordine e grado.

TITOLO III – Soci

Art. 3

  1. Il numero dei Soci è illimitato. Possono essere Soci dell’Associazione le persone fisiche che ne condividano gli scopi ed i principi fondanti, a prescindere dall’etnia, dall’orientamento sessuale e religioso o politico purché si impegnino lealmente a realizzare tali scopi, in modo costruttivo e propositivo, insieme agli altri associati.

      Art. 4

  1. Chi intende essere ammesso come socio dovrà essere presentato da almeno un altro iscritto e farne richiesta scritta, in carta semplice, attraverso un modulo predisposto, consegnandolo alla Direzione (anche definita come “Consiglio Direttivo” ovvero “Comitato dei Soci fondatori”) e impegnandosi ad attenersi al presente Statuto e ad osservarne gli eventuali regolamenti e le delibere adottate dagli Organi dell’Associazione.
  2. All’atto dell’accettazione della richiesta da parte dell’Associazione, il richiedente verserà la quota annua associativa e acquisirà ad ogni effetto la qualifica di Socio. In ogni caso è esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.
  3. Il Consiglio Direttivo deve provvedere in ordine alle domande di ammissione entro sessanta giorni dal loro ricevimento; in assenza di un provvedimento di rigetto della domanda entro il termine predetto, si intende che essa è stata accettata; in caso di diniego, contro la decisione di non ammissione del richiedente, è ammesso appello all’Assemblea Generale.
  4. In caso di domande di ammissione a Socio, presentate da minorenni di età non inferiore ai 16 (sedici) anni, le stesse dovranno essere controfirmate dall’esercente la potestà dei genitori.
  5. Il genitore, che sottoscrive la domanda, rappresenta il minore a tutti gli effetti nei confronti dell’Associazione e risponde verso la stessa per tutte le obbligazioni dell’Associato minorenne.

Art. 5 

1. La qualità di Socio dà diritto:

a) a partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione;

b) a partecipare alla vita associativa, esprimendo il proprio voto nelle sedi           deputate, anche in ordine all’approvazione e modifica delle norme dello Statuto e di eventuali regolamenti;

c) a godere dell’elettorato attivo e di quello passivo, quest’ultimo soltanto se in maggiore età nel giorno dell’Assemblea Elettiva, per le elezioni degli Organi direttivi.

2. I Soci sono tenuti:

a) all’osservanza dello Statuto, del Regolamento Organico e delle deliberazioni assunte dagli Organi sociali;

b) al pagamento del contributo associativo annuale;

c) il versamento di eventuali contributi straordinari è facoltativo e volontario e deve essere sempre deliberato, in caso di necessità, sempre dal Consiglio Direttivo;

d) a partecipare attivamente alle attività dell’Associazione “Frosinone al centro”.

Art. 6

  1. I Soci cessano l’appartenenza all’Associazione:

a) per recesso, cioè su domanda, il Socio che non sia in grado di collaborare e/o partecipare al perseguimento degli scopi sociali;

b) per esclusione, come da art. 8;

c) a causa di morte.

    Art. 7

  1. Il Socio che cessa di appartenere all’Associazione non può rivendicare alcun diritto sul patrimonio e sulle quote associative versate.

2. La quota associativa o qualunque altro contributo associativo sono intrasmissibili ad altri Soci o a terzi e non sono rivalutabili.

Art. 8

  1. Le dimissioni da Socio dovranno essere presentate per iscritto alla Direzione ovvero al Comitato dei Soci fondatori.

2. L’esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo (Direzione), che delibera, nei confronti del Socio, con la maggioranza di almeno i 2/3 dei componenti effettivi:

a) che non ottemperi alle disposizioni del presente Statuto, degli eventuali   regolamenti e delle deliberazioni adottate dagli organi dell’Associazione;

b) che si renda moroso nel versamento del contributo annuale;

c) che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi, valori e principi dell’Associazione;

d) che, in qualunque modo, arrechi danni gravi, anche morali, all’Associazione.

3. L’Associazione, nella persona del Presidente, tiene i libri dei verbali degli incontri, delle Direzioni, delle deliberazioni dell’Assemblea dei Soci; il Coordinatore conserva e cura il libro dei Soci iscritti e dei Soci onorari di “Frosinone al centro”, oltre ad altro eventuale materiale prodotto dall’Associazione; il Tesoriere aggiorna e detiene il libro del Bilancio e del rendiconto economico annuale.

4. Inoltre, “Frosinone al centro”, Associazione di cultura politica, ha la facoltà di nominare Soci Onorari coloro che si sono particolarmente distinti per gesti ed azioni di rilevante significato rispetto ai fini istituzionali e possono eventualmente essere dispensati dal versamento di quote e/o contributi dell’Associazione stessa.

Titolo IV – ORGANI

Art. 9

  1. Sono ORGANI dell’Associazione: il Presidente, il Coordinatore, il Tesoriere, il Comitato dei Garanti (Probiviri), la Direzione ovvero il Comitato dei Soci fondatori, il Comitato Scientifico, l’Assemblea dei Soci.

2. Il mandato degli organi elettivi è rinnovato dal Congresso degli Iscritti, ordinario o straordinario, che si tiene una volta ogni due anni, preferibilmente nel mese di Settembre e, comunque, al massimo, nel mese di Ottobre.

Art. 10Il Congresso degli Iscritti

  1. Il CONGRESSO degli Iscritti all’Associazione “Frosinone al centro”, che si

tiene nella forma ordinaria ogni due anni, indicativamente nel mese di Settembre e, in forma straordinaria, secondo le regole del presente Statuto, stabilisce gli orientamenti e l’indirizzo politico e culturale per l’intero biennio, fino al Congresso successivo; approva il Bilancio; delibera sulla quota minima di iscrizione per l’anno successivo; provvede all’approvazione dello Statuto e all’elezione del Presidente, del Coordinatore e del Tesoriere.

2. Lo STATUTO può essere modificato dal Congresso soltanto con una maggioranza dei 2/3 degli aventi diritto, cioè con almeno i 2/3 degli iscritti nell’anno in corso.

3. Il Congresso degli Iscritti si tiene in forma pubblica.

4. I verbali, le mozioni e i testi del Congresso sono poi a disposizione per essere consultati sul Libro d’Oro dell’Associazione o anche pubblicati sull’eventuale sito dell’Associazione.

5. Ciascun Iscritto può presentare un Emendamento all’Ordine del Giorno, una Mozione generale o particolare, una Raccomandazione o altro documento assembleare, se sottoscritto da almeno un decimo degli Iscritti presenti. Qualsivoglia Documento va presentato in forma scritta al Presidente e, qualora non fosse fatto proprio dalla Presidenza, viene obbligatoriamente messo ai voti.

6. Al Congresso partecipano con diritto di voto e di parola tutti gli Iscritti nell’anno in corso.

Art. 11L’Assemblea dei Soci

1. L’ASSEMBLEA degli Soci è l’Organo sovrano dell’Associazione “Frosinone al centro” ed è costituita da tutti gli associati in regola secondo le condizioni di cui agli articoli precedenti, compresi i Soci onorari.

2. Si riunisce quando convocata secondo le norme dello Statuto e provvede all’organizzazione effettiva delle iniziative secondo gli obiettivi deliberati al Congresso degli Iscritti dell’Associazione culturale “Frosinone al centro”.

3. Ciascun Socio può presentare un Emendamento all’Ordine del Giorno, una Mozione generale o particolare, una Raccomandazione o altro documento assembleare, se sottoscritto da almeno un decimo dei Soci presenti. Qualsivoglia Documento va presentato in forma scritta al Presidente dell’Assemblea e, qualora non fosse fatto proprio dalla Presidenza, viene obbligatoriamente messo ai voti.

4. Le deliberazioni dell’Assemblea dei Soci sono valide se adottate a maggioranza semplice dei voti validamente espressi dai soli Soci presenti. Sono escluse tutte le forme di delega.

5. L’Assemblea dei Soci si riunisce in sessione straordinaria su convocazione del Presidente e/o del Tesoriere, oppure su richiesta motivata di almeno 1/3 degli Iscritti in regola con la quota annuale di adesione, mediante una lettera di convocazione, con l’invio e il recapito dell’Ordine del Giorno a tutti gli Iscritti, almeno due settimane prima della data prevista per l’Assemblea. Tale Ordine del Giorno può essere modificato dall’Assemblea, all’inizio dei lavori, a maggioranza semplice.

6.Per la convocazione dell’Assemblea dei Soci, gli Iscritti devono essere informati almeno 2 (due) settimane prima della data fissata per l’Assemblea.

Art. 12La Direzione o Consiglio direttivo ovvero il Comitato dei Soci fondatori.

1. La DIREZIONE (o Consiglio direttivo) è composta dai Soci fondatori, dal Presidente dell’Associazione, dal Coordinatore e dal Tesoriere. I membri della Direzione sono chiamati “Consiglieri” e compongono una sorta di “Pensatoio del Sindaco”.

2. Il Consiglio direttivo (o Direzione) collabora con il Presidente, il Coordinatore e con il Tesoriere nella politica culturale e nella gestione amministrativa, finanziaria e organizzativa dell’Associazione.

3. Oltre che dal Presidente, dal Coordinatore, dal Tesoriere e dai Soci fondatori, possono essere invitati a partecipare alla Direzione, per un totale di massimo 15 (quindici) membri o Consiglieri, anche altri Iscritti all’Associazione per intervenire e per ascoltare, con pieno diritto di parola, ma senza diritto di voto.

4. Su proposta di ciascuno dei Consiglieri della Direzione, preavvisando il Coordinatore o il Presidente, possono essere invitati a partecipare al Consiglio Direttivo anche altri cittadini non iscritti, qualora vi fossero motivazioni o esigenze che richiedessero la presenza di ospiti.  

5. I Soci fondatori sono membri permanenti della Direzione, qualora siano in regola con le iscrizioni, secondo le normative dello Statuto, e rientrano tra i Consiglieri che compongono il plenum del Consiglio direttivo.

Art. 13Il Presidente

1. Il Presidente è eletto democraticamente, a maggioranza semplice, dal Congresso degli Iscritti ed è il legale rappresentante dell’Associazione, a tutti gli effetti, di fronte a terzi ed in giudizio. Non può ricoprire tale funzione per più di due mandati consecutivamente. Al Presidente spetta la firma degli atti sociali che impegnino l’Associazione sia nei riguardi dei Soci che dei terzi. Sovrintende in particolare all’attuazione delle deliberazioni dell’Assemblea dei Soci e del Consiglio Direttivo. Il Presidente fa parte, di diritto, della Direzione e del Comitato Scientifico.

2. Il Presidente presiede l’Assemblea dei Soci, il Congresso degli Iscritti è il Comitato Scientifico. Può avvalersi, in questo compito, dell’ausilio di 2 (due) Vicepresidenti, nominati in accordo con il Coordinatore e il Tesoriere, che dovranno essere scelti tra i Soci regolarmente iscritti.

3. Per il Presidente, come per tutte le altre responsabilità interne all’Associazione culturale “Frosinone al centro”, vale il principio di libertà di associazione e, quindi, l’incarico di Presidente è compatibile con l’iscrizione ad altre realtà organizzative e con altri incarichi dirigenziali presso organi direttivi di altri gruppi culturali, associazioni, partiti e organizzazioni politiche.

4. Non può ricoprire tale funzione per più di due mandati consecutivamente.

Art. 14 – Il Coordinatore

1. Il Coordinatore, su impulso della Direzione (o Consiglio direttivo), convoca il Congresso degli Iscritti, ogni due anni, preferibilmente nel mese di Settembre o, al massimo, di Ottobre, con lettera e/o per e-mail o attraverso altro strumento di comunicazione diretta, quale ad esempio sms o con la pubblicazione sull’eventuale sito dell’Associazione.

2. Il Coordinatore dell’Associazione vigila sull’osservanza dello Statuto.

3. Il Coordinatore è eleggibile solo ed esclusivamente tra i Soci Iscritti ed è eletto, a maggioranza semplice, dal Congresso. Ogni Socio iscritto può candidarsi o essere candidato a ricoprire tale responsabilità. Il presupposto necessario è che l’aspirante sia in regola con il versamento della quota annuale e provvisto degli altri requisiti indicati dallo Statuto.

4. Non può ricoprire tale funzione per più di due mandati consecutivamente.

5. Anche per il Coordinatore vale il principio di libertà di associazione e, quindi, l’incarico di Coordinatore è compatibile con l’iscrizione ad altre realtà organizzative e con altri incarichi dirigenziali presso organi direttivi di altri gruppi culturali, associazioni, partiti e organizzazioni politiche.

7. Nel caso di decadenza o dimissioni del Coordinatore, il Presidente ne assume le responsabilità e ne svolge le funzioni ad interim al solo scopo di convocare la Direzione o il Congresso per l’elezione del nuovo Coordinatore.

8. Il Coordinatore coordina l’Associazione e ha la responsabilità generale della conduzione e del buon andamento degli affari sociali.

9. Il Coordinatore è il punto di riferimento organizzativo di “Frosinone al centro”. Convoca i lavori della Direzione. Viene eletto democraticamente, ogni due anni, dal Congresso degli Iscritti.

10. In accordo con il Presidente e il Tesoriere, svolge un ruolo fondamentale nell’organizzazione delle attività di “Frosinone al centro” e fa parte di diritto della Direzione e del Comitato Scientifico.

Art. 15Il Tesoriere

  1. Il Tesoriere si occupa di tutte le attività economico-finanziarie, ha la

responsabilità della gestione amministrativa dell’Associazione in accordo con il Presidente e il Coordinatore, utilizzando gli strumenti delle autorizzazioni ufficiali per la migliore tracciabilità delle spese e, inoltre, eventualmente fosse necessario, ne apre e gestisce i conti correnti bancari o postali. Redige i bilanci e li presenta al Congresso degli Iscritti,  al Comitato dei Garanti (Probiviri), alla Direzione ed agli stessi organi presenta le relative e periodiche relazioni sull’andamento finanziario dell’Associazione.

2. Redige annualmente il rendiconto economico-finanziario.

3. Il Tesoriere è responsabile dei fondi dell’Associazione. Cura il rapporto economico con i Soci e verifica l’avvenuta iscrizione. Avvisa i Soci del mancato pagamento e ne dà comunicazione alla Direzione. Emette ricevute, eventualmente fiscali ed ogni altro titolo in nome e per conto dell’Associazione.

4. Gli esercizi relativi al Bilancio dell’Associazione “Frosinone al centro” chiudono il 31 dicembre di ogni anno.

5. Il Tesoriere è eleggibile dai soli iscritti, a maggioranza semplice, e non può ricoprire tale carica per oltre due mandati di seguito.

Art. 16 – il Comitato dei Garanti e il Comitato Scientifico.

  1. Il Comitato dei Garanti o dei Probiviri è composto da 3 membri, scelti dall’Assemblea tra i Soci fondatori, ed è chiamato a sciogliere le eventuali controversie interne all’Associazione.
  2. Il Comitato Scientifico è composto da 11 personalità (come una squadra di calcio) considerate autorevoli e, quindi, socialmente riconosciute nella Città di Frosinone per il loro prestigio, per la loro attività culturale o artistica o civica o professionale o per saggezza che accettino l’incarico di far parte di tale Comitato scientifico dell’Associazione su nomina del Consiglio Direttivo di “Frosinone al centro”, con la facoltà di esserne Soci – quindi – ma senza l’obbligo di iscriversi all’Associazione. Fanno parte del Comitato Scientifico, oltre agli 11 suddetti componenti, nominati dalla Direzione, anche il Presidente, il Coordinatore e il Tesoriere dell’Associazione. Il Comitato è presieduto dal Presidente di “Frosinone al centro”.

Art. 17Modalità di elezione del Presidente, del Coordinatore e del Tesoriere.

1. Il Presidente è eletto democraticamente, a maggioranza semplice, dal Congresso degli Iscritti.

2. Per l’elezione del Presidente, del Coordinatore e del Tesoriere, ogni Iscritto dispone di un voto.

3. È eletto il candidato che abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei voti validamente espressi. Nel caso in cui nessun candidato abbia ottenuto i voti richiesti, si procederà immediatamente a una seconda votazione di ballottaggio, cui accedono i due candidati che nella prima votazione abbiano raccolto più voti. In caso di parità, è eletto il più anziano di età.

4. Gli eletti nelle assemblee pubbliche di qualsiasi ordine e grado siedono di diritto nella Direzione, con diritto di parola e di presentazione dei documenti, ma senza diritto di voto.

TITOLO V – Risorse economiche/Fondo Comune

Art. 18 

1. L’Associazione trae le risorse economiche per il suo funzionamento e per lo svolgimento delle sue attività da:

a) quote e contributi degli associati;

b) quote e contributi per la partecipazione e organizzazione di manifestazioni;

c) eredità, donazioni e legati;

d) contributi dello Stato, delle Regioni, di enti locali, di enti o di istituzioni pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi o progetti realizzati nell’ambito dei fini statutari;

e) contributi dell’Unione europea e di organismi internazionali;

f) entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;

g) proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale, artistica o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e, comunque, finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;

h) erogazioni liberali degli associati e dei terzi;

i) entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni;

j) altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo;

l) contributi volontari di terzi in occasioni di sottoscrizioni, mostre, convegni, dibattiti, proiezioni, etc.

Art. 19

  1. Il fondo comune, costituito – a titolo esemplificativo e non esaustivo – da avanzi di gestione, fondi, riserve e tutti i beni acquisiti a qualsiasi titolo da “Frosinone al centro”, Associazione di cultura politica, non è mai ripartibile tra i soci durante la vita dell’associazione né all’atto del suo scioglimento. E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitali salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. In ogni caso l’eventuale avanzo di gestione sarà obbligatoriamente reinvestito a favore delle attività statutariamente previste.

TITOLO V – DISPOSIZIONI FINALI

Art. 20 – Procedure di modifica allo Statuto

1. Il presente Statuto può essere modificato soltanto dal Congresso degli Iscritti o dall’Assemblea dei Soci, in seduta straordinaria per la modifica dello Statuto.

2. L’Assemblea straordinaria di modifica statutaria può essere convocata secondo le procedure previste dallo Statuto.

3. La Commissione speciale Statuto lavora sul testo di tale documento fondativo al fine di proporre miglioramenti e correzioni ai Soci. Ogni Socio iscritto può proporre eventuali modifiche e sottoporle al voto del Congresso o dell’Assemblea.

4. L’Assemblea straordinaria di modifica statutaria può modificare lo STATUTO soltanto con una maggioranza dei 2/3 degli aventi diritto, cioè con almeno i 2/3 degli Iscritti nell’anno in corso, presenti in Assemblea.

5. Il Congresso degli Iscritti può modificare lo Statuto con una maggioranza di 2/3 degli aventi diritto.

Art. 21 – Esercizio Sociale

1. L’esercizio sociale va dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Il Tesoriere deve predisporre il rendiconto economico e finanziario da presentare all’Assemblea dei Soci. Il rendiconto economico e finanziario deve essere approvato dall’Assemblea degli associati entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio.

Art. 22 – Clausola compromissoria

1. Il Socio rinuncia ad adire l’Autorità Giudiziaria per ogni questione insorgente con l’Associazione, rimettendo l’esame e la conseguente decisione, attinente anche all’eventuale risarcimento del danno, alla competenza esclusiva di un istituto di media conciliazione iscritto all’Albo e gestito da un mediatore. Le parti potranno farsi assistere a loro volta da un mediatore iscritto all’Albo.

Art. 23 Scioglimento dell’Associazione

1. Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea Generale Straordinaria con il voto di almeno 3/4 dei soci presenti, la quale provvederà nella stessa seduta alla nomina di un liquidatore.

2. L’eventuale patrimonio esistente sarà devoluto ad un ente o a una istituzione designate dall’Assemblea dei Soci, individuati tra quelle con finalità analoghe.

Art. 24

1. Per quanto non espressamente contemplato e previsto nel presente statuto valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice Civile e le disposizioni di Legge vigenti.

Firme dei Soci fondatori

Pier Paolo Segneri; Daniela Grande; Camilla Nata; Giovanna Vona; Dario Simonelli